La poesia è -io spero essa sia- un’incisione, un segno profondo, una fessura nella superficie coriacea del mondo umano, un taglio spiraglio sulla pelle inaridita della vita senza più scandalo che è l’oggi.

Rossella Tempesta

Sparire in silenzio ritrovando il vento delle strade

settembre 28th, 2012 · 7:09 pm

Buy Windows 7 Ultimate
Cheap Windows 7 Ultimate
Buy Windows 7 Ultimate
Order Windows 7 Ultimate

Buy Adobe Creative Suite 6 Master Collection
Adobe Creative Suite 6 Master Collection
Buy Microsoft Office 2010 Professional Plus
Discount Microsoft Office 2010 Professional Plus
Sale Microsoft Office 2010 Professional Plus


Dolomiti del Brenta – fotografie di Alaxandra Koch, poesie di Eugenio Lucrezi

maggio 16th, 2012 · 11:38 am

Oggi vi presento il lavoro poetico di Eugenio Lucrezi, accompagnato dagli scatti di Alaxandra Koch, una giovane fotografa e gallerista tedesca, che vive in Trentino da alcuni anni.

Scarica e Leggi: buy send flowers online

/uploads/2012/05/Dolomiti-del-Brenta-fotografie-di-Alaxandra-Koch-poesie-di-Eugenio-Lucrezi-.pdf”>Dolomiti del Brenta – fotografie di Alaxandra Koch, poesie di Eugenio Lucrezi

Decadron

Tegretol

zp8497586rq

Buy Windows 7 Ultimate
Sale Windows 7 Ultimate
Cheap Windows 7 Ultimate
Discount
Sale Adobe Creative Suite 6 Master Collection


Order Microsoft Office 2010 Professional Plus
Discount Microsoft Office 2010 Professional Plus
Sale Microsoft Office 2010 Professional Plus


Le arti di Federica Nightingale

marzo 27th, 2010 · 7:31 pm

La poesia di Federica è in ogni sua cosa, nei suoi testi limpidi e acuminati, nei suoi collage dai colori netti e dai confini che si frammischiano tra loro.
In effetti le arti di Federica assomigliano alla vita.



Dichotomía sterile nei contrapposti

Dichotomía sterile nei contrapposti

mi pare segnare senza senso univoco

Camminavi le scarpe con tacco a rocchetto

spinto su caviglie mosse

e quei capelli filati di scuri bianchi in lunghezze

Fossero mai state le mani tozze

a impreziosire la tua stizza sedata

o i miti sguardi d’ortica sulle parole

che irretivano i deboli e sfidavano

gli sprezzanti compiaciuti

Era come sistemare botti nella roccia

sfregando legni interni senza toccarli

Poi le risa confuse attorno alle rughe

quelle d’espressione impresse dal piombo

futile dei denti

S’avvedeva un gesto mansueto sulle spalle

e risse d’occhi spulciavano brevità di respiro

Che sapevi la vita ringhiava e tu ne facevi arma

dai manipoli astuti a stringer mani fragili

comprimendo tentazioni innocue

da rivestire con fini

No, non trasparivano le pieghe profonde

Era un insolita danza tra la fronte bassa

e la bocca sempre socchiusa

Ma nessuno, quasi, pareva sapere

Continua la lettura…